dermatochirurgia-bn
Molto importante nella patologia cutanea, oltre a cercare di essere sempre radicali nell’ asportazione delle lesioni, è di non stravolgere la normale anatomia, soprattutto quella del viso.

Si devono considerare sempre le conseguenze estetiche di un intervento chirurgico anche e soprattutto quando si tratta di patologie per le quali l’intervento è di natura curativa.

La conoscenza dell’anatomia, la fisiologia dei tessuti, i tipi di sutura, le linee di incisione possono fare la differenza tra una semplice asportazione ed un intervento ben programmato.

Informazioni per il paziente

Lesioni cutanee benigne

Il trattamento delle lesioni cutanee benigne

• cisti
• lipomi
• verruche
• fibromi
• nevi melanocitici
• xantelasmi, ecc

potrà essere effettuato sia chirurgicamente che con l’utilizzo di laser. Nelle lesioni dubbie la chirurgia è la prima scelta perché la parte asportata verrà inviata all’esame istologico per maggior sicurezza.

Lesioni cutanee maligne

L’asportazione di lesioni maligne come gli epiteliomi o i melanomi verrà eseguita secondo le linee guida internazionali, con successivo esame istologico ed eventuale allargamento chirurgico.

Nel caso la lesione risultasse essere particolarmente grave il paziente verrà inviato dallo specialista competente per gli esami e le cure del caso.

Grandi lesioni

Nel caso in cui fosse necessario asportare lesioni di grosse dimensioni in zone corporee delicate come naso, palpebre, labbra, orecchie o lesioni particolarmente infiltrate ed aggressive, il chirurgo plastico ha nel proprio bagaglio professionale la padronanza di tecniche atte a demolire e ricostruire la zona interessata in un unico tempo operatorio cercando di preservare, fin quando possibile, l’aspetto estetico del paziente.

Info e appuntamenti





Dermatochirurgia

Chirurgia plastica-dott-venturino-savona-dermatochirurgia